Sulle tracce di Cthulhu

Torno a parlare di giochi altrui e inizio con un titolo che ho acquistato di recente (Lucca 2011) ma che ho letto con molta calma, ovvero Sulle Tracce di Cthulhu (in inglese Trail of Cthulhu) edito da Stratelibri/Giochi Uniti (che quando si tratta di Grandi Antichi perde il pelo ma non il vizio :o)

Read More

Il gioco di ruolo all’antica… oggi

No, non si parlerà di Dungeonslayers o di Le Marche Dell’Est (in futuro chissà) ma di due giochi (in lingua inglese) temporaneamente in offerta su RPGnow.com

Legend

C’era una volta un editore che decise di riportare in vita Runequest uno dei GdR più antichi in assoluto ma ancora vivo nella mente e nel cuore di molti appassionati, la storia continua con l’editore che produce un sacco di materiale sotto licenza (espansioni, sourcebook, nuove ambientazioni e perfino nuovi giochi con lo stesso motore di regole) finché un bel giorno la licenza scade, l’editore perde i diritti e ai fan cascano le braccia.

Ma l’editore in questione è la Mongoose uno degli imprint più tenaci del panorama anglofono, e cosa succede! Il nome (Runequest) è perso ma sistema di regole (proprietario) no si ingaggiano nuovi sviluppatori si riorganizzano le idee e nasce Legend ovvero Runequest senza il nome Runequest.  I fan sono felici perché continuerà ad uscire materiale con il loro sistema di regole preferito e la Mongoose è felice perché può continuare a pubblicare prodotti usando un sistema di regole rodato e apprezzato.

Lamentation of the Flame Princess

C’era una volta D&D, non D&D a colori come lo si conosce dal 2000 (quello che doveva chiamarsi AD&D 3.0 ma-il-reparto-marketing-poi-dice-di-no), ma quello da vecchi arterio, quello delle origini degli anni ’70/80 la famigerata scatola rossa….

Poi arrivarono i retrocloni, che in una folata di nostalgia ricreavano d’accapo (copiavano) le vetuste meccaniche e le proponevano alle nuove generazioni (o meglio ai vecchi appassionati) sotto una veste grafica (ma volutamente retrò).

Lo so sembra contorto.

Lo è.

LotFP è uno di questi, ma appartiene alla nuova generazione, ovvero le regole sono (praticamente) quelle classiche (semiumani con limiti di livello incantesimi da studiare al mattino ecc) ma l’ambientazione quella si che è moderna, oscura, tragica, contorta, violenta e conturbante. Per palati forti (e maggiorenni).

Morale di tutto cio?

Se volete tuffarvi nelle atmosfere classiche (ma dal piglio moderno), volete scoprire “come si giocava una volta” e volete farlo senza spendere troppo, dovete agire ora perché entrambi i titoli sono disponibili ad un prezzo ridicolo $1,00 per Legend e $1,35 per Lamentation of the Flame Princess (in realtà tutti i prodotti della linea sono a questo prezzo tra cui l’apprezzatissimo Vornheim)

Read More

Microscope: a fractal role-playing game of epic histories

Negli ultimi mesi un trio di giochi di ultima generazione hanno attirato la mia attenzione, tre giochi dove è di scena la creazione di storie. Shock: fantascienza sociale, Un penny per i miei pensieri e Microscope. I primi due li ho provati in demo durante alcune fiere grazie alla disponibilità dello staff Janus Design (che tra l’altro ne cura anche le rispettive edizioni italiane), per quello che riguarda Microscope la storia è diversa, ci sono inciampato per caso, credevo fosse fuori produzione e invece era appena stato pubblicato, l’ho acquistatao in PDF perché credevo che la versione stampata fosse esaurita…

Insomma era destino.

Read More

Benvenuti su Terra Gamma

Gamma World è un prodotto molto interessante che “virtualmente” inaugura una linea di giochi basati sul motore di regole di D&D 4e e che idealmente segue la rotta “novice-oriented” inaugurata dalla linea Essential D&D.

Read More

Escape Fron The Aliens in Outer Space

L’amarcord Lucchese continua con un altro gioco acquistato in fiera (questa volta un boardgame) presentato a LC&G 2010, Escape From The Aliens in Outer Space (EFTAIOS) è una delle più recenti proposte Cranio Creations (quelli di Horse Fever).

Read More

Alice in Steamland

alice
WildBoar edizioni ha presentato a LC&G 2010 questo GdR è ambientato nel mondo descritto da Francesco Dimitri nel romanzo “Alice nel paese della Vaporità” (edito da Salani), un mondo dove la città di Londra si staglia su un panorama di detriti e rifiuti di un epoca passata avvolto da un misterioso vapore. Questa terra di nessuno è appunto la Steamland del titolo, un luogo dove tutto può succedere e dove i confini tra realtà e immaginazione sono assai labili.

Read More