Morpheus (1989)

Un mattone di cartone da imballo con pregevole sovra coperta...

Un mattone di cartone da imballo con pregevole sovra coperta…

Le gite in soffitta a ravanare tra gli scatoloni talvolta fanno riemergere inaspettati tesori dimenticati.

O giù di lì.

Era il 1990 e già da qualche settimana quella alquanto brutta scatola mi chiamava dallo scaffale del negozio di giochi che frequentavo a Torino.

Un mattone bianco avvolto da una sovra copertina decorata da una altrettanto brutta immagine, ma il testo del retro scatola non poteva non catturarmi, prima di Dream Park della Talsorian, prima di Non Cedere al Sonno e Un Penny per i tuoi pensieri… prima di tutto c’era lui, il gioco dell’occhio della mente.

Ok, col senno di poi dovrei aver capito molto di me stesso già allora e dei miei gusti in fatto di giochi ma, al tempo chi poteva saperlo dove sarei arrivato?  Erano da poco finiti i fluorescenti anni ’80 (un biscotto a chi coglie la sottile allusione) e tutto era permesso… anche spendere a scatola chiusa 25.000 lire in un gioco sconosciuto e graficamente agghiacciante.

Non so come questo oggetto di vero game design indipendente (game design indipendete? prima di The Forge?) sia giunto in Italia – anche se ho più di un sospetto fondato – fatto sta, che come un vero colpo di fulmine, io lo trovai e lui trovò me.

Read More

Lands of Adventure (1983)

PictureÈ il 1983, lo stile è quello squisitamente math oriented della FGU, la scatola contiene due volumi e una scheda. Il primo è un volumetto di regole generiche che in 32 pagine fornisce TUTTO, dalla creazione di PG fino alla magia e via discorrendo.

Se non vi spaventano le formule matematiche e se per voi il fluff è sempre superfluo questo è il vostro gioco.

Il secondo volumetto sono due Culture Pack (settings) per giocare nella Grecia mitologica e nell’Inghilterra medievale.

32 pagine in totale. Essere concisi paga!

  • Trivia 1: l’autrice (Lee Gold) aveva scritto altri titoli per la (prolifica) FGU ed era editor di Alarums & Escursions (googlate e scoprite cosa era “fare community” prima di internet)
  • Trivia 2: l’autrice invita a dividere porzioni di campagna tra i partecipanti e fare il master a rotazione.
  • Trivia 3: il gioco consiglia di dare un’occhiata ai numerosi volumi su armi e castelli al tempo editi dalla Palladium (quella di Robotech).
  • Trivia 4: la copertina era stata realizzata da Bill Willingham (già illustratore per la TSR e poi premiato auto del serial Elementals e Fables).

Non ci ho mai giocato, al tempo quelle 32 pagine mi avevano intimidito più di Rolemaster.

 

Read More

Sono già venti!

Quello che segue è un post autocelebrativo di memorie da vecchio grognard, siete avvisati, specialmente se siete nati negli anni ’80 (o ’90)…

Una innocua scatola nera...

Una innocua scatola nera…

Lucca Comics & Games 2014 è alle porte, quest’anno esce il mio ultimo progetto: Freak Control, un setting per Savage Worlds – tra l’altro appena premiato Gioco dell’Anno – assieme a una ri-edizione in copertina variante di Super Adventures.

Mentre scrivo questo post non vedo l’ora che arrivi fine ottobre per dedicare un paio di giorni al mio hobby preferito senza se e senza ma

Però quest’anno ha un significato un po’ diverso, perché esattamente venti anni fa sempre a Lucca C&G debuttavo come Game Designer* con Legione – il potere nelle tue mani, il primo GdR dedicato ai super eroi mai pubblicato in Italia e il primo progetto interamente curato dal sottoscritto. Una scatoletta nera che conteneva due manuali, uno schermo, una scheda del personaggio e soprattutto un’incontenibile entusiasmo.

Read More

Un trio all’erta e pieno di brio!

Fenomena • Freak Control

Fenomena • il prezzemolino

I lavori procedono e Fenomena • Freak Control si sta rivelando uno dei progetti più stimolanti della mia “carriera di game designer” (se così si può chiamare) e così, senza un vero perché, mi prendo il lusso di usare questo blog come se davvero fosse un blog e non l’anfratto più trascurato delle mia presenza on line, per alcune piccole considerazioni.

Uno e trino

Lavorare da soli è bello, ti prendi tutte libertà che vuoi, segui i tuoi ritmi e hai sempre ragione su tutto (si ok ci sono i playtester che strepitano con quelle vocine invadenti – maledetti e pensare che li pago in bibite, junk food e cat petting)… comunque il concetto è che sei l’unico gallo nel pollaio.

Certo ci sono aspetti meno esaltati, la responsabilità di ogni scelta è tutta tua, la mole di lavoro è imponente (e se non hai una propensione all’organizzazione la fatica raddoppia), devi resistere alla tentazione di buttare tutto quello che hai scritto e ricominciare ogni volta che il boost iniziale di entusiasmo si esaurisce…

E poi ci sono i playtester, vi ho già parlato di loro?

Read More